Gara Villa Carolina – 18 giugno

Si è disputata sabato la nostra prima gara di qualifica al nostro campionato di doppio che quest’anno mette in palio un weekend in Veneto per la coppia vincitrice.

In una giornata calda di inizio estate si sono date battaglia 16 coppie e il tecnico percorso di Villa Carolina ha messo in difficoltà parecchie di loro.

Il primo posto è andato alla coppia composta da Panaiotis Fotiadis e Linda Medica con un ottimo punteggio di 45 punti.
Alle loro spalle staccati di appena due punti la coppia composta da Andrea Baghino e Francesco Chichizola.

In terza posizione a 37 punti ben 4 coppie tutte vincitrici dei premi offerti dai nostri sponsor seguiti in settimana posizione dalla coppia Savarese – Zuccardi Merli che ha vinto il premio per la prima coppia mista.

La prossima gara di doppio è in programma il 10 luglio sul percorso del Serravalle Golf Club prima del gran finale il 17 luglio al Sant’Anna Golf Club.

Classifica della gara

Classifica campionato di doppio

Foto della premiazione

Campionati Nazionali Universitari

Si sono tenuti in Emilia, fra l’11 e il 19 giugno, i Campionati Nazionali Universitari.

Fra le varie discipline sportive c’era anche il golf con le prove disputate sul prestigioso campo del Modena Golf Club a cui hanno partecipato 4 rappresentanti del Cus Genova.

I risultati sono stati molto buon con i nostri 4 portacolori che hanno conquistato ben 2 medaglie.

La più prestigiosa sicuramente quella d’oro di Camilla Acquarone nella categoria femminile che ha chiuso i due giorni di gara in 165 colpi.

Importante anche il secondo risultato a medaglia ottenuto dal Cus Genova con Lorenzo Damiani che ha conquistato la medaglia d’argento nella categoria docenti.

Meno bene i risultati nella categoria maschile, dominata dagli atleti del circolo di casa e dove i nostri rappresentanti Federico Gagliolo e Giorgio Meroni si sono dovuti accontentare delle posizioni di rincalzo, rispettivamente la 5° e la 12°.

Foto della manifestazione

Regola 17 – L’asta della bandiera

La regola 17 definisce quando l’asta della bandiera è custodita, rimossa o alzata e chi può farlo e cosa accade quando la palla colpisce l’asta stessa o si ferma contro di essa.

La 17-1 ci dice che prima di fare un colpo, da qualsiasi punto del campo, il giocatore può avere l’asta custodita rimossa o alzata per indicare la posizione della buca.
Se l’asta non è custodita, rimossa o alzata prima che il giocatore faccia un colpo essa non può più essere custodita rimossa o alzata durante il colpo e mentre la palla è in movimento.

Molti credono erroneamente che la bandiera possa essere custodita solo quando si fa un colpo dal green e invece la regola 17-1 specifica che il giocatore ne ha diritto da qualsiasi punto del campo.

L’asta della bandiera si ritiene custodita se un giocatore è accanto a lei e il giocatore non fa alcuna obiezione. E’ comunque sempre consigliato prima del colpo che il giocatore richieda esplicitamente che l’asta sia custodita per evitare dubbi.

Se la bandiera viene rimossa, custodita e alzata durante un colpo senza autorizzazione o senza previa consapevolezza da parte del giocatore, chi la sposta incorre nella perdita della buca in match play o in due colpi di penalità in stroke play.

La palla del giocatore non deve colpire l’asta della bandiera quando questa è custodita, rimossa o alzata, la persona che custodisce l’asta o qualsiasi cosa da lui trasportata o l’asta stessa quando il colpo è stato fatto dal putting green.

Anche per infrazione a questa regola la penalità è di perdita della buca in match play o in due colpi di penalità in stroke play e la palla da giocare come si trova.

La penalità viene assestata anche nel caso la palla non tocchi l’asta ma questa sia dentro la buca. Infatti si ritiene che la palla sia imbucata solo quando è ferma all’interno della buca e quindi è impossibile che questa si fermi senza toccare una parte dell’asta.

Infine quando la palla si ferma contro l’asta della bandiera il giocatore, o una persona da lui autorizzata, può muovere o rimuovere la bandiera. Se la palla finisce nella buca si considera imbucata con l’ultimo colpo effettuato altrimenti deve essere ripiazzata sul bordo della buca senza penalità.